x
Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Press

La guida "Venezie a Tavola" edizione 2019.
— Via Gianbattista Moschini, 26
Verona
OFFICINA DEI SAPORI

Dal lunedì al venerdì a pranzo e a cena, il sabato solo a cena
tutte

Se gli amanti del crudo trovano ottimo pane per i loro denti, saranno sedotti anche coloro che cercano cotture e sapori intensi. È il caso dello sgombro marinato all’aceto di riso, daikon e shichimi togarashi con le sue decise note d’Oriente...

È interessante avere a che fare con cuochi giovani, perché quasi sempre riescono a stupire per la loro progressione, un anno dopo l’altro. Fabio Tammaro non smentisce questa consuetudine, preso com’è a studiare una materia come il pesce che difficilmente lo mette in difficoltà. Del mare e dei suoi prodotti questo ragazzo napoletano, migrato dopo varie esperienze a Verona dietro il Teatro Romano, ne sa davvero molto. E adesso ha imparato anche a schiacciare di più il piede sull’acceleratore del gusto, unendo a una selezione certosina del pescato qualche interessante idea nuova.

Se gli amanti del crudo trovano ottimo pane per i loro denti, saranno sedotti anche coloro che cercano cotture e sapori intensi. È il caso dello sgombro marinato all’aceto di riso, daikon e shichimi togarashi con le sue decise note d’Oriente. Non da meno gli spaghettoni alla clorofilla di spinaci con jalapeno e cozze, cotti al dente come si deve. Altra bella sorpresa è la coda di rospo con lenticchie e battuta di ʼnduja calabra, perfettamente in equilibrio con le sue note dolci-terragne e piccanti. Volendo stare sul tradizionale si può godere di un bel guazzetto di mare con pesci e crostacei.

Il capitolo riservato ai dolci conserva un buon livello di espressione: non va perso un assaggio della pastiera napoletana. Il servizio è di grande solerzia e la carta dei vini è ben fornita, con un focus particolare sull’area delle etichette “naturali” e biodinamiche. Menu degustazione a 30, 50 e 80 euro, sui 50 alla carta.

Da qualsiasi casello autostradale della città scaligera arriverete facilmente proseguendo in direzione centro storico puntando direttamente verso il Teatro Romano.


Marco Colognese


CONTATTI

VIA G.B. MOSCHINI, 26
VERONA, ITALIA

TEL +39.045.913877
INFO@OFFICINASAPORI.COM
Privacy Policy
credits: Futuresmart

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

NOME COGNOME

EMAIL




fotofotofoto