x
Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Press

La guida "Venezie a Tavola" edizione 2016.
http://www.venezieatavola.it/verona-officina-dei-sapori/#more-2606


La passione per la qualità si percepisce immediatamente, a partire dall’ottima variazione di tartare…

Verona, per eccellenza città romantica e ricca di meravigliosi angoli da esplorare, è anche una tappa gastronomica di rilievo. Al di là della classica, dimenticabile, offerta turistica c’è infatti un interessante fermento con l’apertura di nuovi locali degni di nota. Uno tra questi è il ristorante, a due passi dal Teatro Romano, di un giovane cuoco napoletano, Fabio Tammaro, che ne ha preso le redini ormai da un paio d’anni. Tra le antiche vestigia cittadine, troverete un ambiente di sobria eleganza, intimo e accogliente; con tavoli discretamente distanziati e prenotazione consigliata. Defilato rispetto al centro storico, offre una cucina concreta, intelligente e votata al massimo rispetto di una materia prima delicata come il pesce a cui lo chef dedica una cura e un’attenzione spasmodiche. La passione per la qualità si percepisce immediatamente, a partire dall’ottima variazione di tartare, servita secondo quel che arriva al mercato. Convince anche la raffinata pralina di baccalà agli anacardi, salsa di zucchine alla scapece e polvere di liquirizia. Tra i primi, ben realizzati i mezzi rigatoni ai ceci con code di mazzancolle scottate e salsa di mozzarella. L’ombrina scottata in salsa “acqua pazza” di verdure e zenzero è un’altra prova di classe che rivela una mano felice. Con i dolci ci si può sbizzarrire: leggero e buonissimo il Tiramisù-Officina: a base di ricotta, biscotto inzuppato al caffè e mou al marsala. Da non perdere, va da sé data l’origine del cuoco, la pastiera napoletana “di pasta”. La carta dei vini, continuamente in divenire, è ben concepita e piuttosto originale. Il servizio è professionale e di grande cortesia. Si spendono dai 40 ai 70 euro con gli interessanti menu degustazione, mentre alla carta si parte dai 45.

Come arrivare. da qualsiasi casello autostradale della città scaligera arriverete facilmente proseguendo in direzione centro storico puntando direttamente verso il Teatro Romano.



CONTATTI

VIA G.B. MOSCHINI, 26
VERONA, ITALIA

TEL +39.045.913877
INFO@OFFICINASAPORI.COM
Privacy Policy
credits: Futuresmart

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

NOME COGNOME

EMAIL




fotofotofoto